Share on Social:
spezia inter le pagelle, Perisic ritrovato mentre Provedel salva il risultato

Partita valida per allontanare i fantasmi della zona retrocessione abbracciare la salvezza. Bologna e Fiorentina danno il tutto per tutto per racimolare punti fondamentali per la classifica.

BOLOGNA - FIORENTINA 1-1

BOLOGNA
SKORUPSKI VOTO 5.5
Un po’ troppo disattento sulle azioni decisive, poteva fare decisamente meglio sul gol di Bonaventura.
TOMIYASU VOTO 6
Gara molto statica per il Giapponese: bene in fase offensiva così come nel ripiegare in difesa, sufficiente.
SOUMAORO VOTO 5.5
Suo il tocco di braccio che regala il rigore dell’1-0 alla Fiorentina ma si riscatta abbastanza bene disputando una gara tutto sommato buona, tiene bene gli inserimenti di Vlahovic.
DANILO VOTO 5
Non riesce a marcare e a difendere bene mettendo in difficoltà anche i propri compagni.
DE SILVESTRI VOTO 6
Partita sufficiente, non molto attivo in fase offensiva ma aiuta molto quando c’è da difendere.
SVANBERG VOTO 5
Perde la marcatura decisiva su Bonaventura che realizzerà il gol del momentaneo 2-1, da rivedere la fase difensiva.
SORIANO VOTO 6.5
Importantissimo in fase di costruzione e di impostazione, come al solito si rivela il perno del centrocampo Bolognese.
ORSOLINI VOTO 5.5
Troppo assente per il ruolo che ricopre, cerca spazi sulle palle inattive ma per il resto si perde troppo.
VIGNATO VOTO 8
Perfetto. Non solo sforna i tre assist decisivi per il risultato ma il 90% delle occasioni create dal Bologna partono da lui. Il migliore in campo.
BARROW VOTO 5.5
Prova a mettere in difficolta Dragowski e compagni ma ci riesce solo un paio di volte non rivelandosi poi così tanto pericoloso.
PALACIO VOTO 8
Tripletta e pallone a casa. Ottimo in fase d’attacco, sa sempre dove trovarsi e al momento giusto e riesce a cogliere al meglio qualsiasi pallone a lui indirizzato.
SKOV OLSEN VOTO 6
Entra a fine secondo tempo e disputa una partita regolare.
JUWARA VOTO S.V.
Entra nel recupero del secondo tempo, non giudicabile.
ALL. MIHAJLOVIC VOTO 6.5
Riesce a non far perdere mai la concentrazione ai suoi ragazzi che si rialzano dopo ogni gol subito, ottime le scelte tattiche.
FIORENTINA
DRAGOWSKI VOTO 6.5
Un paio di parate nel primo tempo salvano la Fiorentina, buono.
MILENKOVIC VOTO 6
Prestazione pulita, presenza costante e decisa in area Viola. Nulla da rimproverare.
PEZZELLA VOTO 5
Perde il tempo e, soprattutto, la marcatura su due dei tre gol subiti, troppo passivo.
CACERES VOTO 5
Subisce gli inserimenti di Tomiyasu e compagni, è lui il “responsabile” del terzo gol del Bologna, non avanzando a marcare Palacio.
VENUTI VOTO 6
Un po’ di difficoltà nel tenere gli assalti dell’assetto offensivo del Bologna, si riscatta fornendo l’assist per il gol del 2-1 di Bonaventura.
AMRABAT VOTO 6
Buona prestazione: imposta, recupera e attacca ma nulla di eccezionale.
PULGAR VOTO 6.5
Un po’ perso nel primo tempo ma si ritrova nel secondo scendendo in difesa e recuperando molti palloni. È lui che serve a Vlahovic la palla per il momentaneo 3-2.
BONAVENTURA VOTO 7
Un gol, una traversa e tante occasioni create. Ottima prestazione.
BIRAGHI VOTO 5.5
Fatica sempre a trovare spazi e imbucate, crea relativamente poco per il ruolo che ricopre e non spunta mai così spesso in fase offensiva.
RIBERY VOTO 5.5
Buona prestazione di sacrificio ma comunque un po’ opaca, probabilmente a causa della botta subita nel primo tempo che lo costringerà a rinunciare a molte energie.
VLAHOVIC VOTO 7.5
Ancora una volta Re dell’attacco della Fiorentina, è il più presente in area avversaria. Unica nota negativa: sul finale avrebbe potuto servire Kouame, smarcato, ma ha preferito tirare centrando in pieno Danilo.
IGOR VOTO 5.5
Entra e si fa ammonire poco dopo, prestazione discreta ma non del tutto splendente.
KOUAME VOTO S.V.
Entra al posto di Ribery ma realizza poco e nulla. Non giudicabile.
CASTROVILLI VOTO S.V.
Entra sul finale. Non giudicabile.
ALL. IACHINI VOTO 6.5
Partita incentrata sull’attacco, e riuscendoci a pieno. Da rivedere la fase difensiva ma comunque molto bravo a indirizzare i suoi nel creare pressione costante alla difesa avversaria.