top flop 11 fantacalcio voti gazzetta dello sport

Terz'ultima giornata del girone di andata. Sembra essere tornata l'Atalanta versione 2019/20. Segna raffiche di gol contro chiunque, dimostrando continuita’, cosa che fino a un mese fa non accadeva, e ovviamente l'impatto sui top (e flop per quanto riguarda i loro avversari) e’ forte. Uomo del turno è Josip Ilicic che travolge con gol e assist il Benevento. Tra i migliori anche Luis Muriel che entra e segna praticamente sempre. Hakimi ormai è un attaccante mascherato da difensore. Nei flop inevitabilmente finisce il portiere del Benevento Montipo’, che ne prende 4, mentre Gojak che sembrava essere in ripresa non si conferma su buoni livelli. Infine due giocatori che ci avevano abituato a comparire tra i migliori stavolta steccano pesantemente: Joao Pedro e il Gallo Belotti. Ma andiamo con ordine ad analizzare il tutto.

TOP 11 SERIE A 17ª
In porta Bartlomiej Dragowski. L'estremo difensore polacco sfodera una grande prestazione contro il Cagliari, para un rigore a Joao Pedro e il suo 7.5+3, con tanto di clean sheet, fa felici Prandelli e soprattutto i fantallenatori che gli hanno dato fiducia. Bravissimo.
Difesa atomica, Achraf Hakimi ormai segna praticamente sempre (sesto gol in campionato che determina una proiezione di oltre 12 reti stagionali). La sua percussione, con tanto di sinistro all'incrocio dei pali, porta l'Inter in vantaggio all'Olimpico, e un fantavoto di 10 ai propri fantamisters. Rafael Toloi ha iniziato questo campionato in maniera un po’ maldestra, complice anche l'inizio molto altalenante dell'Atalanta. Ma pare essersi ritrovato e ha realizzato sabato il secondo gol in campionato. Per lui anche un 7+3. Probabilmente ne arriveranno altri, visto che il brasiliano è abituato a realizzare 4/5 gol e altrettanti assist stagionali. Se i primi due difensori ci hanno abituato a portare in dote il tanto adorato +3, fa notizia invece quello realizzato da Danilo Luiz da Silva, che invece ottiene addirittura un +4 stavolta. Il brasiliano toglie le castagne dal fuoco alla Juventus che si stava incartando contro il Sassuolo in 10 e porta i suoi in vantaggio. In più si regala anche il lusso di fornire un assist e si guadagna un magnifico 10.5
Il centrocampo è da 10 (senza lode). Infatti tutti i 4 centrocampisti ottengono il 7+3. A Parma riappare il Mago. Luis Alberto scardina la difesa dei ducali, portando i suoi avanti al Tardini e ritorna a timbrare il cartellino dopo qualche passaggio senza bonus. Lorenzo Pellegrini invece deve ringraziare Bastoni. Il suo diagonale, probabilmente innocuo, viene deviato dal 95 nerazzurro e diventa imprendibile per Handanovic. Per la Roma era il gol dell'1-0 e Fonseca stava già pregustando l'aggancio in classifica. Franck Kessie invece pare aver fatto l'abbonamento al dischetto del rigore. Ormai ne ottiene uno a partita, e quello molto generoso di ieri, è sfruttato dall’ivoriano come meglio non avrebbe potuto. Palla da una parte, Sirigu dall’altra. E il Milan vola. Primo hurra’ invece per il genoano Miha Zajc. Lo sloveno, tanto tecnico quanto discontinuo, realizza il gol del vantaggio per i grifoni sfruttando al meglio la corta respinta di Da Costa. Gol pesante per Ballardini, e inatteso dai propri fantallenatori.
A Benevento la furia bergamasca porta in top 11 ben due attaccanti. Come detto, Josip Ilicic è devastante. La decide praticamente da solo, realizzando in slalom gigante il primo gol, propiziando quello di Toloi e regalando a Zapata il gol dell'1-3. Per il talento sloveno un 11.5 da leccarsi i baffi. Fatto cio’ decide di prendersi una pausa e lasciare il palcoscenico a Luis Muriel. Il colombiano subentra al 74’ al suo connazionale Duvan e ci mette poco, meno di un quarto d’oro, per mandare la palla all'incrocio e scrivere il proprio nome nel tabellino dei marcatori: voto 10 per il centravanti atalantino. A chiudere la formazione Felipe Caicedo. L’ecuadoriano sfrutta al massimo l'occasione concessagli da Inzaghi, anche grazie al persistente infortunio di Correa, e scarta il cioccolatino offertogli da Milinkovic Savic, chiudendo i giochi contro il Parma: 0-2 e voto 10 per El Panteron.
In panchina, ad applaudire questi 11 top, il migliore allenatore di giornata, è ovviamente ancora Gian Piero Gasperini. La sua macchina da calcio regala spettacolo nell'acquitrino di Benevento e ottiene un ottimo 7. Per un totale di squadra davvero considerevole: 119.5. Complimenti a tutti i protagonisti.
top 11 voti fantacalcio voti gazzetta dello sport
Questa la Top 11 della 17ª della Serie A 2020/21
FLOP 11 SERIE A 17ª
Meno complimenti vanno invece ai flop 11, i peggiori giocatori del turno numero 17. In porta, come prevedibile, Lorenzo Montipo’ del Benevento. È praticamente il migliore in campo dei suoi, ma riesce soltanto a limitare i danni. Purtroppo per lui, Ilicic & compagni sono scatenati e deve raccogliere 4 palloni in fondo alla rete. Fantavoto di 2.5 perché’ comunque riesce ad ottenere un dignitoso 6.5.
La difesa e’ da incubo. Alessandro Bastoni è sì sfortunato nella deviazione sul tiro di Pellegrini che porta la Roma in vantaggio, ma episodio a parte, è disastroso. Si merita un 5 che diventa 4.5 causa anche il cartellino giallo ricevuto per un placcaggio stile rugby su Mkhitaryan. Anche Rrhamani ottiene lo stesso voto, ma la sua prestazione è ancora peggiore di quella dell’interista. Il difensore albanese “bagna” il debutto in maglia azzurra con l’assist involontario per Lasagna. Gattuso non apprezza e lo lascia negli spogliatoi dopo 45’. Voto 4.5. Koffi Djidji aveva un compito molto difficile. Cercare di limitare gli scatenati Zaccagni e Barak, invece li soffre maledettamente e lascia spazio a Dimarco che segna un gran gol. Il giallo non fa altro che peggiorare la situazione, voto 4.
A San Siro, nell'anticipo serale di sabato, Thomas Rincon è autore di una prestazione tutt'altro che soddisfacente. Sbaglia praticamente tutto, lasciando fare ai centrocampisti del Milan il bello e cattivo tempo, e Giampaolo lo toglie dopo 76’. Voto 5 per il venezuelano. Stesso voto di Jerdy Schouten. L’olandese e’ un pesce fuor d'acqua a Marassi, non ne azzecca una, ed anzi decide di inventarsi un dribbling da ultimo uomo, il Genoa e Destro ringraziano e chiudono la contesa. Idem con patate anche per Amer Gojak. Il bosniaco veniva da un 11 (gol e assist) al Tardini di Parma, stavolta non si ripete, o meglio, ripete l’anonimo girone di andata e Giampaolo dopo 45’ lo lascia negli spogliatoi. Ma il peggior centrocampista di giornata è senza dubbio Pedro Obiang. Lo spagnolo aveva provato a farsi cacciare qualche settimana fa all'Olimpico contro la Roma quando aveva attentato alle caviglie di Pellegrini. Allora il Var dormiva. Quello di Torino è stato più sveglio e per un'entrata molto simile ha avvisato l'arbitro che non ha potuto far altro che espellerlo al 46’. Voto 4.5 che diventa 3.5.
E l’attacco? Non andrebbe neanche chiamato tale. In 3 mettono a referto un misero 11.5. Il “migliore” dei 3 è Andrea Belotti. E’ quasi sempre costante, anche quando non segna da’ un apporto notevole, stavolta non incide ed anzi procura il rigore (inesistente a dire il vero) che spiana la strada a Kessie e al Milan. Malissimo anche Gianluca Lapadula. Chiuso nella morsa Toloi-Romero non tocca praticamente mai palla, invece rifila una gomitata in un contrasto aereo all’argentino e si becca un giallo: 4.5 per l'ex Pescara e Milan. Peggio di loro fa Joao Pedro. Solitamente è una sentenza, soprattutto dal dischetto, stavolta non trasforma il rigore e l'inevitabile 5 lo porta a collezionare un pessimo 2. Per un totale di squadra davvero scadente, addirittura 50.5.
In panchina Eusebio Di Francesco. Perde al Franchi lo scontro tra 2 squadre in crisi d'identità e vede la sua panchina traballare. Voto 5. Bisogna invertire la rotta altrimenti si fa dura…
flop 11 voti fantacalcio voti gazzetta dello sport
Questa la Flop 11 della 17ª della Serie A 2020/21
Nel complesso è stata una giornata caratterizzata dal fenomeno Atalanta. Porta 3 giocatori in top 11 (più l'allenatore) e condanna 2 elementi in flop. Nel prossimo turno si fa sul serio, e per noi fantallenatori mandare in campo la formazione sara’ sempre più difficile. Si gioca in 4 (QUATTRO!) giorni. Si parte venerdì sera con il derby Lazio-Roma, a chiudere Cagliari-Milan nel Monday Night. Nel mezzo il derby d'Italia Inter-Juventus e Napoli-Fiorentina. Poi c'è Atalanta-Genoa. Solita grandinata di reti per la Dea? Nel frattempo studiate, e cercate di fare scelte ponderate. Punterete ancora su Belotti e Joao Pedro? E Hakimi segnera’ ancora? Lo scopriremo presto. Alla prossima!

Potrebbero interessarti